Lancia Ansaldo IZ.[Wo1-I.]

Moderators: Messalina, Tandorini

Lancia Ansaldo IZ.[Wo1-I.]

Berichtdoor Sabina » 08 jun 2008, 20:46

Autoblindo Mitragliatrice.
De eerste Lancia modello IZ was geen pantserwagen maar een kleine truck met aan de achterkant een soort brandweerladder,die door artillerie-eenheden met 102-mm geschut werd gebruikt voor veldobservatie.Kort daarop werd in 1915 het voertuig drastisch veranderd in een pantserwagen met de aanduiding Autoblindo Mitragliatrice Lancia Ansaldo IZ.
De IZ was een vooruitstrevend ontwerp voor zijn tijd.De indeling was conventioneel met de motor voorin en de bestuurder achter een schuine pantserplaat.De gevechtseenheid achterop bestond uit een doosconstructie met een platte koepel met een enkele mitrailleur.Bij sommige later versies was bovenop de koepel een kleinere koepel geplaatst waarin een tweede mitrailleur kon worden meegenomen.Een andere variant had twee mitrailleurs in de onderste koepel waarmee de IZ relatief zwaar was bewapend.
Gedurende een groot deel van de oorlog konden de Italiaanse pantserwagens weinig uitrichten in de campagnes tegen Oostenrijk-Hongarije,aangezien het front door het hooggebergte liep,waar voertuigen nauwelijks konden komen.Een kleine eenheid van 39 IZ's deed verkenningen langs de Piave tijdens de strijd aan dat front en speelde een rol tijdens de korte periode waarin er daadwerkelijk werd gevochten in de nasleep van de Oostenrijks-Duitse doorbraak van 1917.Daarna was hun rol nagenoeg uitgespeeld en gingen sommige naar Noord-Afrika voor politieke taken.In 1918 waren er zo'n 10 stuks gebouwd,die nadien nog enkele jaren dienst bleven doen.Een paar gingen er naar Albanië en vertegenwoordigden lange tijd het enige materieel van de pantsertroepen van dit nieuwe land.

Specificatie.
Bemanning:6 man.
Gewicht:3,8 ton.
Motor:Een 26/30 kW (35/40 pk) benzinemotor.
Afmetingen:Lengte 5,40m ; Breedte 1,82m ; Hoogte met enkele koepel 2,4m.
Prestaties:Maximumsnelheid 60 km/u ; Bereik 300 km.

Afbeelding

Afbeelding
Avatar gebruiker
Sabina
Korporaal-chef
Korporaal-chef
 
Berichten: 45
Geregistreerd: 01 jun 2008, 20:53

Re: Lancia Ansaldo IZ.[Wo1-I.]

Berichtdoor Tandorini » 21 apr 2009, 21:02

NEC JACTANTIA NEC METU ("zonder woorden, zonder vrees")

Avatar:De Siciliaanse vlag,oorspronkelijk uit 1282,de triskelion (trinacria) in het midden,is van oorsprong een oud Keltisch zonnesymbool.


Avatar gebruiker
Tandorini
Generaal
Generaal
 
Berichten: 2759
Geregistreerd: 30 mei 2008, 23:18

Re: Lancia Ansaldo IZ.[Wo1-I.]

Berichtdoor Tandorini » 25 maart 2011, 23:37

Nell’Aprile del 1915 venne consegnato il prototipo ed effettuate le prime prove, la prima Ansaldo Lancia 1Z venne consegnata ad Udine nei primi giorni di Agosto del 1915, ad esso seguiranno fino al 1918 altre 137 macchine.
Le prime 37 blindo denominate 1Z, costruite fino al 1916, si caratterizzavano per le due torrette sovrapposte che ospitavano tre mitragliatrici Maxim 1906 da 6,8 mm, questi veicoli avevano però un baricentro notevolmente sbilanciato, per questo negli esemplari successivi, denominati 1ZM venne eliminata la torretta superiore, e la mitragliatrice spostata verso la poppa del veicolo. Queste blindo, soffrivano di una peggiore qualità dell’acciaio utilizzato per la loro costruzione, si penso di risolvere il problema aumentando il calibro delle armi installate, le Maxim furono rimpiazzate da tre St.Etienne 907F da 8 mm, scelta infelice, in quanto le armi francesi era inclini all’inceppamento, e di difficile gestione da parte dell’equipaggio, ed inadatta al tiro in movimento.

Entrambi i modelli avevano le stesse caratteriste di peso e dimensioni, ovviamente il secondo tipo era più basso per via dell’abolizione della terza torretta, il motore da 4950cc raffreddato ad acqua era montato anteriormente, ed aveva una potenza di circa 60 Hp, la trasmissione era a cardano, con 4 marce+rm, era installato un doppio sistema di frenaturaa pedale e a mano. Il serbatoio del carburante, era di forma cilindrica ed era posto al centro della camera di combattimento, poteva contenere 100 litri di benzina per una autonomia massima di 300 Km, quello dell’olio conteneva 9 litri.
La velocità massima su strada era di 60 Kmh, le ruote in acciaio stampato con pneumatici ad alta pressione, quelle posteriori erano gemellate, la guida era a destra.
La corazzatura era di 6,5 mm su tutta la vettura tranne che sul fondo, dove era di 2,5 mm, solo in corrispondenza del serbatoio aumentava a 5mm.

Idealmente si poteva dividere il mezzo in tre parti, cofano e motore, camera di combattimento e torretta. Il cofano era dotato di alette per il raffreddamento, la parte anteriore della cabina, inclinata, era dotata di uno sportello rettangolare sollevabile per la guida, erano presenti due grandi porte di accesso, una per lato, entrambe munite di una feritoia, altre tre feritoie era poste su ogni lato, un’altra piu’ grande sulla poppa per la mitragliatrice posteriore, sul tetto della torretta, era presente un portello circolare di piccolo diametro, la torretta ruotava poggiando su due file di sfere di acciaio, sulla prua erano montati due ferri tagliareticolati, due ruote di scorta complete erano portate montate esternamente sul lato destro, anche se poi vennero spostate sulla parte inferiore della poppa.

Dell’armamento principale utilizzato durante la 1GM si è già scritto, nel 1924 le armi francesi furono sostituite con delle Fiat Mod.14, fornendo a queste blindo un armamento finalmente sicuro!
Nel 1938, sulle blindo presenti in AOI, vennero installate delle Fiat mod.35 da 8mm.
Per l’equipaggio, composto da 6 uomini, inizialmente era previsto un armamento individuale composta dal fucile mitragliatore di fabbricazione francese Chauchat mod 15 da 8mm, non apprezzati dagli equipaggi perché pesanti e di difficile uso, nel 1918 vennero restituiti ai francesi e sostituiti dai moschetti mod.91 da cavalleria.

Impiego operativo

1a Guerra Mondiale
Nel 1915 le Lancia fecero alcune “prove” in combattimento, ma senza impegnarsi troppo, anche perché il terreno non era adatto ad operazioni con quel tipo di mezzo. Nel 1916 risultavano costituite 3 Squadriglie di automitragliatrici, lo SM non riusciva a trovare un loro compito preciso, e finivano per essere accantonate, un paio di sezioni della 1 sqdr, venero usate in azioni di disturbo notturne in Val Sugana. Nel 1917 trovarono un efficace impiego nel mese di Maggio con compiti di ordine pubblico nel Basso Isonzo, contribuendo non poco a riportare l’ordine sul fronte dopo l’ammutinamento di alcuni reparti della brigata “Catanzaro”, tra il 21 ed il 27 agosto dello stesso anno, furono in azione a Torino nel corso dei sanguinosi scontri detti “la rivolta del pane”.
Nell’ottobre del 1917, dopo la rotta di Caporetto, le blindo subirono pesanti perdite, ma dovute soprattutto alla mancanza di coordinamento, molte blindo agirono addirittura di propria iniziativa!
Nel Caos generale, gli austriaci catturano qualche blindo che in seguito riutilizzarono contro il nostro esercito.
Raggiunta la linea del Piave, ed iniziata la consegna da parte dell’Ansaldo delle nuove blindo, furono costituite ben 15 Sqdr., una venne stanziata fissa a Torino per con i soliti compiti di Polizia, le altre al fronte.
Durante l’offensiva austriaca del giugno 1918, grazie anche alla fitta rete di strade che caratterizzava quel fronte, le blindo ebbero modo di far valere le loro “ragioni”, ed il loro apporto durante la battaglia di contenimento, fu molto apprezzato dai comandi, ma era anche la prima volta che il comando aveva dato disposizioni chiare sull’utilizzo della “nuova” arma, le richieste di assegnazione di blindo ai reparti, divennero numerosissime.
Il 24 Ottobre 1918, giorno d’inizio della battaglia di Vittorio Veneto, il Comado Supremo redigeva il primo documento su “Norme d’impiego delle squadriglie di Automitragliatrici”, il documento, asseriva l’importanza dei mezzi nelle azioni di sorpresa, la necessità di una accurata manutenzione delle macchine, e l’obbligo di impiegare i mezzi almeno in coppia.
Nella battaglia di Vittorio Veneti, le blindo vennero impiegate per sfruttare i successi della fanteria, con veloci avanzate per occupare punti di interesse strategico, senza badare troppo ai reparti nemici che si lasciavano alle spalle, una squadriglia da sola, poco prima dell’armistizio, raggiunse la Stazione della Carnia, e da solo catturò due generali austriaci e bloccò i treni carichi di truppe.
La 7 sqdr, catturo in una solo giornata oltre 200 soldati Austriaci e un convoglio di rifornimenti, con appena 3 blindo, poi avanzando verso Trieste catturò due treni carichi di soldati e 60 pezzi di artiglieria! Di combattimento in combattimento, le blindo giunsero a Masseria Tre Ponti, dove catturarono l’intero Stato Maggiore della 58 Divisione austriaca.
La 12 Sqdr, assegnata alla 3 div. Cavalleria “Lombardia” con 6 macchine, fu inviata verso Nogaredo, dove con una avanguardia di mitraglieri ciclisti dei “Lancieri di Montebello” venne presa sotto il fuoco di cannoni e reparti austriaci, perdendo quattro macchine, il comandante, Cap.Venturelli, non si diede per vinto, controbatte il fuoco nemico, riuscì ad arrestare l’azione avversaria, a tamponare la falle e a giungere il 3 Novembre ad Udine.
La 1 Sqdr fu aggregata all Brigata “Foggia” e la 4 al “Piemonte Reale”, mossero per avanzare ma non riuscirono con le restanti sqdr a prendere parte a scontri prima dell’armistizio.
Le squadriglie, per l’attività svolta durante la battaglia di Vittorio Veneto, ottennero una menzione speciale da parte del Comando Supremo.

Fre le due guerre
Nel dopoguerra le squadriglie vennero dislocate nei territori occupati, la 1 Sqdr venne inviata a Corinzia, la 4 e 5 a Fiume nel 1919.
Nel giugno del 1920, la 15 Sqdr fu inviata in Albania, dove prese parte agli scontri contro gli insorti albanesi a Valona.
Le 1ZM furono impiegate spesso nel territorio metropolitano per contenere le continue manifestazioni popolari di quegli anni, con la loro sagoma, avevano un impatto psicologico notevole sui manifestanti, quando nell’ottobre del 1920, venne creato il corpo di Pubblica Sicurezza, ebbe subito in dotazione 35 Lancia, organizzate in 7 squadriglie.
La 4 sqdr, dopo aver lasciato Fiume era dislocata a Castelnuovo a crca 30 KM dalla città. Quando il 12 Settembre 1919 transitò la colonna di d’Annunzio che marciava sulla città, in assenza di ufficiali, le blindo si unirono alla colonna, ed andarono a costituire la “1 squadriglia Automitragliatrici Blindate della Reggenza Italiana del Carnaro” venne costituita anche la 2 Sqdr, con macchine della 7 Sqdr defezionarie.
Le Lancia furono sempre presenti a tutte le manifestazione dannunziane, e divennero la dimostrazione tangibile della forza del regime.
Ben 4 Sqdr (1, 5, 7 e 15) facevano parte dei reparti del Regio Esercito che nel dicembre del 1920 accerchiarono Fiume, ma non vi furono scontri fratricidi, finita l’avventura Fiumana, tutte le blindo furono riacquisite dal R.E.
Almeno una blindo partecipò alla “Marcia su Roma” del 1920.
Nel 1926 34 Lancia furono assegnate ai Carabinieri e dislocate a Napoli, due vennero inviate nel Dodecanneso, soprattutto a scopo di rappresentanza.
Le Lancia parteciparono anche alle operazioni del 1919 per la riconquista della Libia, con una sezione per un totale di 11 mezzi, che giunsero senza personale che venne reperito in loco. Le operazioni belliche, proprio a causa dello scarso addestramento del personale, non furono felici, e spesso le blindo, si trovavano con tutte le armi inceppate. Presero parte a diversi episodi bellici, alcuni come quello di Bil Alal sfortunati e luttuosi, del 1931 ai reparti venne concessa la MBVM per le operazioni svolte dal 1925 al 1929.
Nel 1930 lo SM mise a punto un piano di distribuzione delle Lancia superstiti, si trattava di far operare macchine vetuste e logore con compiti di difesa costiera e territoriale, sempre in quegli anni alcune blindo furono cedute ad altri stati: Albania, Afghanistan ed Austria, in partcolare le blindo albanesi nel 1939 furono riacquisiti dal RE dopo l'occupaziane dell'Albania, a quanto sembra in buono stato, insieme ad alcuini Fiat 3000, per essere riassegnate ai reparti.
Nel 1937 4 Lancia 1ZM furono trasferite alla concessione italiana cinese di Tien Tsin, le blindo restarono in servizio fino al Settembre del 1943, quando il Giappone occupò il presidio e catturò le 4 blindo.
Nel 1926 una sqdr con 6 macchine fu inviata in Somalia, e vennero addestrati equipaggi misti composti da Ascari e nazionali. Furono impegnate nella campagna del 1935 accanto ai CV e alle Fiat 611, venne modificata la gommatura, adottando pneumatici più larghi, e venne eliminata la blindatura laterale delle ruote posteriori. Furono la punta delle operazioni condotte da Graziani, nonostante le temperature infernali e la vetustità delle macchine.
Quando si volle mandare in Spagna, nel 1937, una forza di autoblindo, si ricorse ancora una volte alle ormai vetuste Lancia, ne vennero inviate 8 che operarono fino al 1939, partecipando attivamente alla conquista di Alicante, alla battaglia di Santander e alla battaglia di Catalogna, mettendosi ancora una volta in buona luce!

2a Guerra Mondiale
Durante la 2GM, le Lancia furono usate principalmente in AOI, fornendo un apporto sicuramente superiore alla qualità delle macchine, dovuto in massima parte all’impegno degli equipaggi, la condizione delle macchine era tale che dopo ogni spostamento era necessaria qualche riparazione.
La conquista del Somaliland fu incruenta per le anziane guerriere, che scomparvero dalla zona di operazioni con la perdita dei loro equipaggi nel 1941, dopo una serie di scontri con ribelli abissini.
In Africa Settentrionale in attesa delle AB41, oltre alle Fiat Tripoli già presenti, furono riattivate anche 2 Lancia, armate con mitragliatrici d’aereo Safat da 12,7 mm, che furono abbandonate nel deserto senza combattere dopo l’ennesimo guasto durante i trasferimenti verso la zona di operazioni.
Sei lancia erano presenti nel CCCXII battaglione Carri Misto che fu inviato in Egeo nel marzo del 1940 a Psito nell’isola di Rodi. Nel Settembre 1943, ormai considerato privo di efficienza bellica, il battaglione si arrese ai tedeschi e le blindo furono incendiate.

Bibliografia:
U.Barzoletti/G.Pirella - Mezzi dell'Esercito Italiano 1939/1945 - Ed.Olimpia
Patrizio Tocci – Storia Militare, Le autoblindo Lancia 1ZM
Pignato-Cappellano – Gli Autoveicoli da combattimento dell’esercito italiano . Ed. USSME
NEC JACTANTIA NEC METU ("zonder woorden, zonder vrees")

Avatar:De Siciliaanse vlag,oorspronkelijk uit 1282,de triskelion (trinacria) in het midden,is van oorsprong een oud Keltisch zonnesymbool.


Avatar gebruiker
Tandorini
Generaal
Generaal
 
Berichten: 2759
Geregistreerd: 30 mei 2008, 23:18

Re: Lancia Ansaldo IZ.[Wo1-I.]

Berichtdoor Tandorini » 26 maart 2011, 08:48

Afbeelding
NEC JACTANTIA NEC METU ("zonder woorden, zonder vrees")

Avatar:De Siciliaanse vlag,oorspronkelijk uit 1282,de triskelion (trinacria) in het midden,is van oorsprong een oud Keltisch zonnesymbool.


Avatar gebruiker
Tandorini
Generaal
Generaal
 
Berichten: 2759
Geregistreerd: 30 mei 2008, 23:18


Keer terug naar Gevechtsvoertuigen.

Wie is er online

Gebruikers op dit forum: Geen geregistreerde gebruikers. en 1 gast

cron